San Vincenzo


fee_2010.png
BANDIERA BLU 2010


Condividi

Sito ufficiale del Comune di San Vincenzo

Contattaci per promuovere la tua attività su San Vincenzo







CorsoSanVincenzosmall.jpgSan Vincenzo, cittadina balneare sulla costa tirrenica, è oggi uno dei centri turistici più attrezzato della Costa degli Etruschi.

E' dotato, tra l’altro, di un ottimo approdo turistico e rappresenta il fulcro della ricettività alberghiera della Val Di Cornia e della Costa degli Etruschi.

Il suo litorale di sabbia chiara e finissima, si estende per decine di chilometri ed è orlato da fitta macchia mediterranea che raggiunge direttamente la spiaggia.

Facilmente raggiungibile con l’auto, tramite la Strada Statale n.1 (l’Aurelia) e, con il treno, con i diretti e i direttissimi della linea FF.SS. Modena -Torino – Genova – Pisa - Roma. San Vincenzo dista circa 60 km dall’Aeroporto Internazionale G. Galilei di Pisa. San Vincenzo è dotata i tutti i servizi pubblici e d’interesse pubblico.

E' vicinissima al promontorio di Populonia e al centro di un’importante zona archeologica etrusca.
A pochi chilometri da antichi borghi e città medioevali come Suvereto, Campiglia Marittima, Bolgheri, Castagneto Carducci, Volterra, San  Gimignano e Siena.

Due delle più importanti città d’arte italiane Pisa e Firenze distano rispettivamente solo 70 e 150 km.

spiaggiasvsmall.jpgUna posizione geografica davvero strategica.
Altra località raggiungibile in pochi minuti e di principale importanza dal punto di vista turistico è l’Isola d’Elba.


San Vincenzo è anche ottimamente attrezzata dal punto di vista sportivo, potendo contare su una serie di impianti in grado di soddisfare ogni esigenza, dal calcio, al calcetto, al basket, tennis e soprattutto al ciclismo, anche professionistico, con il Velodromo E. Solvay. E’ anche possibile fare delle terme curative, grazie alle vicine Terme di Caldana.




Altitudine:
5 m s.l.m.
Superficie:
33 km²
CAP:
57027
Pref.
tel: 0585

Comuni Limitrofi:
Campiglia Marittima, Castagneto Carducci, Piombino, Suvereto

La Storia - San Vincenzo fu abitato fin da età antichissima; le prime tracce di presenza umana risalgono al periodo paleolitico superiore ed il luogo continuo ad essere popolato fino all’entrata in epoca storica.
Ciò si deve probabilmente alla sua fortunata posizione, dove le Colline Metallifere arrivano sin quasi sul mare formando una strettoia che mette in comunicazione la pianura del fiume Cecina con quella del fiume Cornia.
torre1small.jpgIl primo nome conosciuto e quello di Torre di San Vincenzo, derivato dalla Torre Costiera un tempo facente parte di una residenza, ma di recente acquisito dal Comune. Questa torre fa parte di una serie di fortificazioni costiere e vedette d’avvistamento disseminate lungo la costa, costruite al fine di difendere la spiaggia e i centri abitati dell’interno dagli occasionali attacchi dei pirati.
Agli Etruschi non sfuggì certamente l’importanza strategica di San Vincenzo, con le due valli laterali che incidono la collina creando agevoli approdi con la possibilità di risalire verso l’interno. Inoltre il luogo fu intensamente popolato sia per la vicinanza a Populonia, all’epoca potentissima Lucumonia, sia per la presenza di minerali e di estese foreste, quindi di fonderie, che ne fecero sicuramente una zona industriale di estrema importanza per tutta l’area.
Fra il IX ed il V secolo a.c. fu esercitata un’intensa attività mineraria alla quale era legata un’industria siderurgica ed un commercio di esportazione che costituirono una fonte notevole di ricchezza.
I Romani, conquistata la zona, fecero passare da San Vincenzo la via Aurelia e con tutta probabilità vi costruirono un villaggio ed un approdo.
A seguito delle invasioni barbariche i Longobardi costruirono, sulla collina dominante il mare, il Castello di Bisemo (nelle attuali cave di San Carlo) che, con l’avvento degli imperatori germanici passo, A seguito delle invasioni barbariche i Longobardi costruirono, sulla collina dominante il mare, il Castello di Bisemo (nelle attuali cave di San Carlo) che, con l’avvento degli imperatori germanici passò, unitamente alla torre costiera, in possesso dei conti della Gherardesca.
Nel 1304 la Repubblica di Pisa distrusse il Castello e costruì la Torre costiera, costruzione che dette il via alla formazione del primo nucleo abitato composto da casupole di pescatori contadini, creando alla nuova comunità di San Vincenzo, realizzandovi anche una dogana e un pontile di carico.
Con la caduta di Pisa la comunità passò, nel1406, sotto il dominio fiorentino e divenne parte del territorio di Campiglia. Il 17 agosto 1505 alla Torre di San Vincenzo le milizie fiorentine sconfissero Bartolomeo D’Alviano, comandante di un esercito di ventura, che accorreva in aiuto dei ribelli pisani. Dopo questo fatto la comunità di San Vincenzo seguirà le sorti del Granducato di Toscana fino all’unita d’Italia. San Vincenzo è divenuto comune autonomo a partire dal 1949, distaccandosi da quello di Campiglia Marittima, con Decreto del Presidente della Repubblica n. 414 del 3 giugno 1949.

APPROFONDIMENTI SU SAN VINCENZO

Immagini di San Vincenzo








unitedkingdom_gs.gif
San Vincenzo, a wonderful sea resort on the Thyrrenian coast, is one of the most equipped tourist centre in the area.
Its beautiful beaches stretches for many kilometres and are bordered by a thick wood. San Vincenzo can be easly reached by car (trunk-road n.1- Aurelia) or by train (Modena-Turin- Pisa-Rome railway line).
Moreover it is only 60 kilometres away from the international airport Galileo Galilei in Pisa. San Vincenzo is near the most famous Etruscan sites of Populonia and Baratti and the wonderful medieval town of Suvereto, Campiglia Marittima, Bolgheri, Castagneto Carducci, Volterra, San Gimignano and Siena. Pisa and Florence, two of the most important art cities are only 70 and 150 kilometres away. San Vincenzo is situated in a strategical geographical position: in a flash you can reach the island of Elba.
The town offers a lot of sport facilities too: tennis courts, football grounds, golf courses are at your disposal.
The  wonderful hot spring in Caldana, a stone’s throw from San Vincenzo (about 5 kilometres), is a must for tourists who decide to spend their holiday
in this beautiful and funny sea resort…
What are you waiting for? Don’t waist your time! Come to visit us!

The History -
Thanks to its strategical position San Vincenzo was already inhabited in ancient times; the first settlements date back to the Paleolitic Age. Its old name was “Torre di San Vincenzo” (Tower of San Vincenzo), from the name of the tower which was part of a private building. The Etruscan society was drown by the strategical importance of the town, so near to the powerful Populonia (called Lucumonia) rich in minerals, wide woods and foundries which make it one of the first industrial centres. Export was the most important activity. When Romans conquered the area, they built here their village while the castle (castello di Bisemio) was built by Longobards, after the Barbarian invasions. Later it passed to the Gherardesca family. In 1406 with the decay of Pisa the comunity passed under the control of Florence becoming part of the territory of Campiglia. San Vincenzo gained its autonomy in 1949 with the presidential decree n.414 (3rd June 1949)...
Another family-oriented resort town, with wide beaches, lots of hotels, and not much in the way of nightlife. The sort of place that the parents of teenagers will appreciate. The town also has Il Gambero Rosso, one of Italy's best restaurants. Lots of campgrounds between San Vincenzo and Baratti.