Castagneto Carducci

Castagneto Carducci presenta un campionario pressoché completo di ambienti naturali ed umani: la marina con il litorale sabbioso e le pinete costiere; le zone palustri ricordo dell’antica Maremma; la campagna costellata di ville, poderi, case coloniche; le colline dalle forme e dai colori tipicamente toscani; i piccoli borghi che custodiscono gelosamente palazzi, vicoli e angoli caratteristici; i paesaggi quasi senza fine che si perdono oltre il mare fino alle isole dell’Arcipelago Toscano.




Castagneto Carducci offre tutto questo, integrato da efficienti strutture ricettive: alberghi, pensioni, campeggi, case per vacanze, aziende agrituristiche. Il soggiorno in una delle località del comune (Castagneto, Bolgheri, Donoratico e Marina) è un’occasione unica per una vacanza diversa in un ambiente ancora vivibile e ricco di suggestioni storico-culturali.
Intorno al Castello dei Conti Della Gherardesca si è sviluppato il centro urbano secondo uno schema di anelli concentrici che danno vita ad un sistema di strade, vicoli, piazzette in cui è piacevole aggirarsi alla scoperta di segni e testimonianze del passato che riaffiorano con immutata bellezza agli occhi del visitatore attento.
Centro del paese è la via Vittorio Emanuele, che termina su Piazza del Popolo, dietro alla quale si apre una terrazza naturale il cui nome, Piazzale Belvedere, già annuncia il paesaggio che si estende ai suoi piedi. In questo piazzale prendono vita durante l’anno numerose manifestazioni folkloristiche e turistiche. Davanti alla Chiesa del Santissimo Crocefisso sorge l’oratorio, dove è conservato il Crocefisso quattrocentesco rinvenuto tra i ruderi dell’antico monastero di San Colombano e oggetto di vivissimo culto locale.

panorama_collinaBorgo

 

 

 

 

 

 

borgo-1borgo-2

La Storia –

Ricco di reperti dell’epoca etrusco-romana disseminati in tutto il suo territorio, che è il più vasto di tutta la provincia di Livorno, Castagneto è citato per la prima volta in un documento del 754 Dc, nell’atto di fondazione dell’abbazia di San Pietro di Monteverdi, in cui compariva tra le donazioni effettuate a quel monastero benedettino da Walfredo dei Duchi Longobardi, dal quale i conti Della Gherardesca si vantano di discendere.




La zona che delimita il territorio fu a lungo dominio dei Conti Della Gherardesca, prima sotto Pisa, poi, a partire dal 1405, sotto la repubblica di Firenze, con l’istituzione dei tre comunelli di Bolgheri, Castagneto e Donoratico.
Ma nel 1433 calò la sventura e Donoratico fu distrutto per una vendetta fiorentina, e non si risollevò più agli antichi splendori, seguito nel 1496 da Bolgheri, che fu ricostruito poco distante, nella posizione attuale.
Restò solo Castagneto a sostenere un’epica lotta per la sua sopravvivenza,fino a che, con la politica riformistica del Granduca Pietro Leopoldo, i castagnetani riuscirono a diventare tutti possidenti. In seguito fu sviluppata la mezzadria (dal 1832), la messa a dimora della pineta costiera (dal 1837), abbandonato l’antico porto del Seggio e creata la nuova Via Aurelia (1831) e, nel 1863, seguì l’avvento della ferrovia. Ma mentre sorgevano in collina e nel piano numerose case coloniche, la stessa cosa non si verificò per i centri abitati.

tuscany_holidays
Solo nel 1894 si incominciarono a vedere i primi insediamenti di quello che diventerà l’attuale Donoratico. Fino quasi al settecento Castagneto era racchiuso dentro le mura perimetrali dell’antico castello, poi prese incremento, dalla porta del castello all’oratorio di San Sebastiano, il borgo, intorno al quale si formò l’attuale centro abitato. I nuclei dell’antico fortilizio erano costituiti dal castello dei Conti Della Gherardesca, dalla chiesa parrocchiale e dalla sede del comune, ubicata al centro e dismessa ai primi del settecento.
Il castello ebbe, nella sua lunga storia, numerose modificazioni e rifacimenti e ben poco resta dell’antica struttura, al pari della chiesa parrocchiale, che fu a lungo la chiesa del castello, come è possibile rilevare anche da un sommario delle strutture interne.





dove dormire costa degli etruschi

Costa Etrusca on Line consiglia le seguenti soluzioni per soggiorni o vacanze a Castagneto Carducci:

 

 

Hotel Ristorante i Ginepri Marina Castagneto Carducci

Direttamente sul mare in Toscana, a Marina di Castagneto Carducci. La posizione privilegiata tra mare, pineta e colline lungo Costa degli Etruschi, rende la struttura adatta al relax e alla vacanza in famiglia.

Villa al mare in pineta a Marina di Castagneto Carducci

La villa è a Marina di Castagneto Carducci (LI) in una pineta secolare con circa 1200 mq di giardino completamente recintato ed è a circa 300 metri dal mare. Giardino, accesso a spiaggia privata, 3 ampi appartamenti in affitto per tutte le esigenze e soluzioni

Appartamenti vacanza vista mare a Marina di Castagneto Carducci

Dai terrazzi e dalle finestre di questi appartamenti avrete il piacere di godere di una vista mozzafiato sul mare Ligure, sulla sinistra l’Isola d’Elba, davanti la Capraia e la Corsica, sulla destra la Gorgona ed in lontananza nelle giornate chiare la Costa Azzurra. Un piacevole relax nel silenzio del mare senza rinunciare a nulla!

 

 

Questo sito utilizza i Cookie anche di terze parti (Google AdSense, Vivistats). Scorrendo le pagine, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi